Iniziative __________________________________________________________________________________________________________

OLTRE 30.000 IMPRESE DEL BENESSERE IN ATTESA DI UNA NORMATIVA PER IL SETTORE.
AICEB CONFESERCENTI PRESENTA A RIMINI UNA PROPOSTA DI LEGGE GIA’ SOTTOSCRITTA DA 48 PARLAMENTARI

Decisamente in espansione il settore del benessere che può vantare più di 30 mila imprese tra centri benessere, trattamenti estetici e palestre, con un numero di clienti annuo stimato attorno ai 40 milioni, un giro d’affari stimato attorno ai 21 miliardi di euro e oltre 70 mila addetti.
A questi dati si devono aggiungere i 3.773 esercizi ricettivi presenti nelle solo località “termali e del benessere” così definite dall’osservatorio nazionale del turismo, con una disponibilità di 148.918 letti (pari al 3,2 del totale letti delle strutture ricettive in Italia) e un giro di presenze turistiche che si attesta sui 15 milioni l’anno.

IMPRESE ATTIVE NEL SETTORE DEL BENESSERE IN ITALIA
Fonte: elab. AICEB su dati ISTAT e Registro Imprese

Tra il 2004 e il 2008 il settore benessere ha conosciuto una notevole espansione quantitativa registrando ad un incremento del 24% pari a seimila nuove imprese.

Sono questi i numeri del settore del benessere presentati oggi a Rimini Wellness , in occasione della tavola rotonda organizzata dall’AICEB-Confesercenti per presentare una proposta di legge per i centri benessere in grado di regolamentare un settore in continua evoluzione, estremamente sensibile alle mode e alle tendenze e che negli ultimi decenni non solo è cresciuto in termini di nuove imprese e nuova clientela ma ha visto e vede tuttora l’affermarsi e il diffondersi di numerose discipline mirate al benessere e al miglioramento della qualità della vita, perlopiù, attualmente non ancora regolamentate.

“La proposta di legge sottoscritta da 48 parlamentari di diversi schieramenti politici e attualmente depositata alla Camera - sostiene il presidente Nazionale dell’AICEB, Gian Marco Rossi – nasce dalla necessità di colmare un vuoto normativo e di regolamentare quindi un settore così dinamico e in forte crescita, definendo degli standard qualitativi, strutturali, professionali e organizzativi collegati alle diverse attività svolte in queste strutture, nell’ottica di una migliore tutela e sicurezza per il consumatore e un’ulteriore qualificazione del settore e della qualità del servizio offerto. La proposta di legge offre subito una precisa definizione precia di “cosa deve essere e cosa può fare” una struttura “centro benessere” rispetto a una struttura “beauty farm”, fornendo chiari e correttti parametri per distinguere i trattamenti “estetici” da quelli di “medicina estetica” e relative figure professionali.

Si tratta finalmente - conclude Rossi – di una proposta capace di garantire un livello sempre più qualificato di un settore che già rappresenta un fiore all’occhiello anche per il prodotto turistico italiano”

“Il settore del benessere è diventato una componente importante del prodotto turistico anche in Emilia Romagna - sostiene Stefano Bollettinari Direttore Regionale Confesercenti E.R. – che può contare su ben 2.816 imprese attive nel comparto , con 394 strutture ricettive nelle zone termali, 17.000 posti letto e un numero in costante aumento di centri benessere all’interno delle strutture alberghiere in tutte le aree turistiche.Questa tendenza va incontro alle nuove esigenze della domanda turistica ed è un modo concreto per contribuire allo sviluppo del settore”.

IMPRESE ATTIVE NEL SETTORE DEL BENESSERE IN ITALIA

 

Centri

Palestre

Centri

TOTALE

 

benessere

 

estetici

 

VALLE D'AOSTA

15

3

65

83

PIEMONTE

247

233

2.081

2.561

LOMBARDIA

758

649

4.770

6.177

LIGURIA

60

104

743

907

VENETO

221

325

2.464

3.010

FRIULI V.G.

105

99

481

685

TRENTINO A.A.

37

67

477

581

EMILIA R.

173

347

2.296

2.816

TOSCANA

127

207

1.910

2.244

UMBRIA

30

60

365

455

LAZIO

96

137

2.132

2.365

MARCHE

81

121

862

1.064

ABRUZZO

74

150

722

946

MOLISE

9

26

107

142

CAMPANIA

238

342

1.610

2.190

PUGLIA

83

210

1.562

1.855

BASILICATA

11

24

212

247

CALABRIA

36

104

438

578

SICILIA

62

202

891

1.155

SARDEGNA

25

129

554

708

ITALIA

2488

3539

24742

30769

Nord

1.616

1.827

13.377

16.820

Centro

334

525

5.269

6.128

Sud

538

1.187

6.096

7.821