Proroga dei termini per la presentazione della Scheda SISTRI

 

    E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 298 del 23 dicembre 2011 il decreto del Ministero dell’Ambiente del 12 novembre 2011, che proroga i termini per la presentazione della comunicazione di cui all'articolo 28, comma 1, del decreto 18 febbraio 2011, n. 52 (scheda SISTRI); il decreto è entrato in vigore il giorno stesso della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (23 dicembre).

    Si ricorda che l’art. 28, al comma 1, del D.M. n. 52/2011 stabilisce che:
“Entro il termine di cui all'articolo 12, comma 1, del decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare del 17 dicembre 2009 e successive modifiche e integrazioni, i produttori di rifiuti e le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti che erano tenuti alla presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale di cui alla legge 25 gennaio 1994, n. 70, comunicano al SISTRI, compilando l'apposita Scheda SISTRI, le seguenti informazioni, sulla base dei dati inseriti nel registro di carico e scarico di cui all'articolo 190 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni:
a)  il quantitativo totale di rifiuti annotati in carico sul registro, suddiviso per codice CER;
b)  per ciascun codice CER, il quantitativo totale annotato in scarico sul registro, con le relative destinazioni;
c)  per le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti, le operazioni di gestione dei rifiuti effettuate;
d)  per ciascun codice CER, il quantitativo totale che risulta in giacenza”.

    Orbene, con il decreto in oggetto, il Ministero dell’Ambiente ha modificato l’art. 12, comma 1, del D.M. 17 dicembre 2009 , prevedendo che i soggetti obbligati devono inviare la Scheda SISTRI entro i seguenti termini:

• “Entro il 30 aprile 2012, con riferimento alle informazioni relative all’anno 2011,
• ed entro sei mesi dalla data di entrata in operatività del SISTRI per ciascuna categoria di soggetti di cui all’art. 1 del decreto ministeriale 26 maggio 2011, con riferimento alle informazioni relative all’anno 2012”.

    Pertanto, i produttori di rifiuti e le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento dei rifiuti, che erano tenuti alla presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) di cui alla legge n. 70/1994, devono ora provvedere ad inviare la “Scheda SISTRI”  di cui all’art. 28, comma 1, del D.M. n. 52/2011, entro le seguenti scadenze:

A) 30 aprile 2012 per i rifiuti prodotti, recuperati e smaltiti tra il 1° gennaio 2011 e il 31 dicembre 2011;
B) “entro sei mesi dalla data di entrata in operatività del SITRI” per i rifiuti prodotti, recuperati e smaltiti nel periodo che va dal il 1° gennaio 2012 all’entrata in vigore del SISTRI.

    In caso di mancato invio della comunicazione entro i termini di legge, le sanzioni vanno da duemilaseicento euro a quindicimilacinquecento euro; se la comunicazione è effettuata entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da ventisei euro a centosessanta euro (cfr. l’art. 4, comma 2-ter, D.Lgs. n. 121/2011 che prevede l’applicazione delle sanzioni previste dall'art. 258 del D.Lgs. n. 152/2006, nella formulazione previgente a quella di cui al D.Lgs. n. 205/2010).

 

A cura di Confesercenti nazionale