Una guida per orientarsi tra tariffe e incentivi per il fotovoltaico

 Il Gestore dei Servizi Energetici ha attivato il portale per la richiesta degli incentivi per gli impianti entrati in esercizio a partire dal 1° gennaio 2011 o, in caso di impianti a concentrazione, quelli attivi a partire dal 25 agosto 2010. Il Gestore ha pubblicato una guida al terzo conto energia alla luce delle modifiche introdotte dal Decreto Ministeriale del 6 agosto 2010.
Nella Guida vengono illustrati i principali aspetti collegati agli impianti fotovoltaici, come la connessione degli impianti alla rete, la misurazione dell’energia prodotta, la valorizzazione dell’energia prodotti dagli impianti e l'erogazione degli incentivi.

Nelle appendici al documento sono inoltre riportate dettagliatamente le regole tecniche da seguire per soddisfare i requisiti necessari al riconoscimento degli incentivi, oltre alle informazioni di base sugli aspetti tecnici ed economici che contraddistinguono la conversione solare fotovoltaica.
Il DM 6/8/2010 (Terzo Conto Energia), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/08/2010, è stato emanato per dare continuità al meccanismo di incentivazione in Conto Energia per gli impianti fotovoltaici già avviato con i decreti del 28/07/2005, 06/02/2006 (Primo Conto Energia) e 19/02/2007 (Secondo Conto Energia). Possono usufruire degli incentivi definiti nel provvedimento tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale o potenziamento, appartenenti a quattro specifiche categorie:
• gli impianti fotovoltaici (“su edifici” o “altri impianti”);
• gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative;
• gli impianti fotovoltaici a concentrazione;
• gli impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica.
Per ogni categoria è stato definito un limite di potenza incentivabile:
• 3000 MW per gli impianti fotovoltaici;
• 300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative;
• 200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione.
Per gli impianti fotovoltaici a concentrazione le tariffe sono applicabili a partire dal 25/08/2010, data di entrata in vigore del Decreto. Non è stata riservata capacità da incentivare per gli impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica, per i quali è atteso un successivo provvedimento da parte del Ministero dello Sviluppo Economico (MSE), di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela dl Territorio e del Mare (MATTM), che ne definirà i criteri e le modalità per l’incentivazione.
Gli incentivi per la produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici valgono a partire dalla data di entrata in esercizio per un periodo di 20 anni, la tariffa è costante in moneta corrente per tutto il periodo di incentivazione.
Il periodo di diritto alle tariffe incentivanti è considerato al netto di eventuali interruzioni dovute a  problematiche connesse alla sicurezza della rete ovvero a seguito di eventi calamitosi riconosciuti come tali dalle competenti autorità.
In caso di esaurimento della disponibilità di potenza incentivabile è previsto un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici) dalla data di raggiungimento del limite, comunicato dal GSE sul proprio sito internet.
Il GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica.